lunedì 27 dicembre 2010

La cassata

Erano parecchi anni che non la facevo. Non ho una grande esperienza in fatto di cassate ma sono soddisfatta. La cosa più difficile è la glassatura e la decorazione ma avendone fatte 5 l'ultima è venuta proprio caruccia.
Ho fatto un Pan di Spagna a caldo, tipo genoise, senza lievito.


Ingredienti per una cassata bella grande:

Per il Pan di Spagna (da fare il giorno precedente):

6 uova
100 g. di fecola di patate
100 g. di farina 00
200 g. di zucchero
un pizzico di sale

Per la farcitura:

1 kg e 200 di ricotta di pecora
300 g. di zucchero
100 g. di gocce di cioccolato
150 g. canditi misti a cubetti
essenza di vaniglia
2-3 cucchiai di maraschino

Per la bagna:
1/2 litro di acqua
200 g. di zucchero
2 bicchierini di maraschino (quelli di carta da caffè)
la buccia di un limone

Per la glassatura

300 g. di zucchero a velo
acqua q.b.
poche gocce di limone

Per la decorazione:

frutta candita
un panetto di pasta di mandorle verde


Procedimento:

Il giorno prima mettere in un colino la ricotta per un paio di ore per farle perdere il siero. Aggiungervi lo zucchero, il maraschino e la vanillina e mescolare. Mettere in frigo.
Preparare anche la bagna facendo bollire l'acqua con lo zucchero e la buccia di limone per 15 minuti.
Sempre il giorno prima, preparare il Pan di Spagna nel seguente modo: in una pentola sbattere le uova intere con lo zucchero e il sale e poi riscaldarle a bagnomaria ponendo il tutto in un'altra pentola con acqua. Quando le uova diventano belle calde versarle in planetaria e montare fino a quando il composto diventa spumoso. Setacciare insieme farina e fecola. A questo punto bisogna abbandonare la frusta e armarsi di cucchiaio, aggiungere lentamente poca farina per volta e girare dal basso verso l'alto per non smontare il composto. Ungere ed infarinare la teglia, versarvi il composto e metterlo a cuocere nel forno preriscaldato a 160-170° per circa 20-25 minuti. Lasciar raffreddare e avvolgere in un canovaccio.
Il giorno seguente aggiungere il maraschino allo sciroppo.
Componiamo il dolce dove abbiamo cotto il Pan di Spagna.
Stendere la pasta di mandorle e tagliare una striscia alta quanto lo stampo in cui abbiamo cotto il Pan di Spagna e lunga quanto la sua circonferenza. Ricoprire lo stampo con della pellicola e adagiare la striscia di pasta di mandorle nel bordo interno. Tagliare a metà il Pan di Spagna e mettere una metà sul fondo dello stampo e bagnarlo con lo sciroppo. Farcire con la ricotta preparata il giorno precedente, coprire con l'altra metà di Pan di Spagna e bagnare anch'esso con lo sciroppo.
Coprire con pellicola e mettere in frigo per una giorno o una notte.
Trascorso il tempo, capovolgere la cassata.
Preparare la glassa aggiungendo pochi cucchiai di acqua e qualche goccia di limone allo zucchero in modo da ottenere un composto liscio, fluido ma non troppo liquido.
Colare il composto sulla superficie del dolce.
Decorare infine, a proprio piacere, con la frutta candita.
In genere la cassata si fa usando fette di Pan di Spagna ma io trovo questo metodo molto più semplice, l'importante è che il Pan di Spagna non sia troppo alto.
Il bordo può essere fatto anche alternando fette di pasta di mandorle e fette di pan di spagna tagliate in piccoli trapezi.
Chiedo scusa ai siciliani per i vari ed eventuali errori, la mia è una cassata casalinga, da inesperta in materia e molto fai-da-me...!


5 commenti:

Gambetto ha detto...

Spettaccolare come solo tu potevi farla.
E'un piacere vederti nuovamente su questi lidi :)

Chicca ha detto...

Wow carissima che bello rileggerti!! che cassata spettacolare!!bravissima come al solito! ti auguro un anno splendido e meraviglioso a te ed alla tua famiglia.

baci baci

Alessandra ha detto...

Auguri di un anno sereno, in salute e ricco di valori. Da me Ale.

ranapazza65 ha detto...

Ma che bella!!
sei tornata alla grande con questo meraviglioso dolce!1
Felice 2011 tante belle cose un bacione Anna

Scarabocchio ha detto...

E' vero che fai lunghissime pause tra una pubblicazione e l'altra, ma è anche vero che quando ritorni sai sempre come lasciarci a bocca aperta!
La cassata è uno spettacolo, così come tutte le preparazioni natalizie e non che hai poeticamente prodotto in questo ultimo periodo!
Fatti vedere più spesso che leggerti è un vero piacere! :)